Un matrimonio felice grazie agli anti-allergici naturali

Sabato, 21 Maggio 2016 Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Buona primavera a tutti, carissimi sposi! Si lo so, è un po’ azzardato parlare di primavera in questa fase meteorologica dai connotati tipicamente invernali, ma la natura, statene certi, farà presto il suo corso! E non mi riferisco solo alle condizioni climatiche, ma anche alle amate/odiate fioriture primaverili con tutte le conseguenze che ben conoscete sulle vostre allergie.


Siamo a maggio, molte piante sono già fiorite da tempo, ma alcune delle più invise al nostro sistema immunitario stanno liberando i pollini nell’aria proprio in queste settimane.

E se il maltempo di questi giorni ha eliminato i pollini dall’aria, è ragionevole attendersi che, nel momento in cui volgerà al sereno, questi torneranno a disperdersi sempre più numerosi.

Le fioriture di maggio variano in intensità e calendario in base alla latitudine (tra nord e sud Italia possono esserci anche 2-3 settimane di differenza). In questo mese, la natura mette in campo un vero e proprio tridente d’attacco costituito da parietaria, graminacee e olivo.

Un attacco di allergia, oltre alla quotidianità, può seriamente rovinare anche il giorno del vostro matrimonio: immaginate il fastidio e l'imbarazzo di un attacco di starnuti indomabili che intervenga proprio nel magico momento del “si”!

I farmaci per contrastare i sintomi di un allergia sono molto comuni e largamente usati tra la popolazione. Gli anti-istaminici di ultima generazione promettono di limitare di molto l’effetto collaterale per eccellenza, ossia la sonnolenza, ma per esperienza la risposta al farmaco è molto personale.

Quindi, se non volete correre il rischio di addormentarvi proprio nel momento dello scambio degli anelli, potete invece far ricorso alla farmacologia della natura che offre rimedi molto efficaci per questo tipo di affezione!

La pianta che per antonomasia viene accostata alle allergie primaverili è il Ribes (Ribes Nigrum L., Ribes Nero), anche se viene molto spesso utilizzato nella forma sbagliata. In commercio trovate, infatti, solitamente, come preparato per le allergie da polline, l’estratto alcolico delle gemme di Ribes.
Razionalmente è, invece, l’olio estratto a freddo dai semi del Ribes ad avere un alto contenuto di acidi grassi polinsaturi ai quali è notoriamente associata una eccellente attività antinfiammatoria e antiallergica.

Un medesimo elevato elevato livello di concentrazione di acidi è posseduta dalla Perilla (P. Frutescens, Perilla Viola), una pianta sempre più in voga grazie al fatto di rendere disponibile gli omega-3 a vegetariani e vegani che non li possono prendere dall’olio di fegato di merluzzo. L’attività antiallergica della Perilla è stata verificata da numerosi studi.

Perilla e Ribes possono essere presi anche insieme e non hanno particolari interazioni con i farmaci.

Se il vostro matrimonio in tempo di fioriture non sarà naufragato in irrefrenabili lacrimazioni con l’ausilio di questi preparati della natura fatemelo sapere e, soprattutto, mandatemi qualche foto delle vostre nozze felici!

A presto e tanti cari auguri!

Gianfilippo Bordi
Farmacista, ipharm.it