Bouquet di matrimonio: tutto quello che c'è da sapere

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Voto)

Il bouquet, è sicuramente tra gli accessori più importanti della sposa, quello che meglio la rappresenta. Possiamo dire che è il suo “biglietto da visita” e che sarà l'elemento che caratterizzerà il resto degli addobbi floreali, dall’allestimento della location, passando per il rito nuziale, fino al ricevimento di nozze.


Se vogliamo seguire il galateo del matrimonio, l’acquisto del bouquet deve essere a carico dello sposo che si occuperà anche di farlo recapitare alla sua sposa tramite il fioraio o un testimone. Se poi, lo sposo vorrà essere ancora più romantico, lo potrà consegnare lui stesso all’ingresso della location dove si svolgerà la cerimonia nuziale.

La tradizione vuole che il bouquet rappresenti l’ultimo regalo che la coppia si scambia da fidanzati.

Il bouquet, dovrà essere in armonia con il modello e il colore dell’abito della sposa, oltre che proporzionato in generale alla sua figura.

Un altro aspetto da non trascurare è sicuramente la personalità della sposa, perchè è questa che, più di qualsiasi altra cosa, deve emergere nella scelta del bouquet.

Secondo le caratteristiche della sposa, un bouquet può assumere diverse forme: a cascata, tondo, a grappolo, a fascio, monofiore decorato con spille, nastri, perle e quant’altro.

Quando la futura sposa andrà a scegliere dal fioraio il bouquet, consiglio di portare una foto dell’abito per far capire meglio al floral design lo stile che avete scelto.

Ricordatevi di scegliere fiori di stagione, sia per evitare che non reggano al clima, magari poco appropriato al periodo in cui si svolgerà il matrimonio, sia per non sostenere spese eccessive.

La sposa non si separerà mai dal bouquet per tutta la cerimonia e oltre, fino al momento tanto atteso dalle inviatate con il fatitico lancio del bouquet.

Questa tradizione risale, addirittura, ai tempi delle Crociate. Il bouquet composto da fiori d’arancio (simbolo di purezza), simboleggiava l’unione sacra dei coniugi e veniva lanciato verso il cielo, verso Dio e la donna che veniva colpita dal bouquet si riteneva fosse la prossima a sposarsi.

Oggi, questa tradizione continua ed è molto attesa dalle invitate non ancora sposate. Questo rituale può avvenire davanti al municipio, alla chiesa o alla fine del ricevimento e, in ciascuna di queste situazioni, la sposa lancia il bouquet a giovani donne che si affannano per prenderlo.

Se, invece, desiderate conservare il bouquet come ricordo del giorno più bello della vostra vita, non c’è problema. È possibile ignorare la tradizione o, semplicemente, portare con voi un secondo mazzo confezionato apposta per il lancio!

Un caro saluto a tutti i futuri sposi e a presto.

Elena Pomati
Wedding Planner