Cosa non dimenticare per scegliere un buon Menù per il vostro matrimonio

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Carissimi futuri sposi, nell'organizzare il vostro matrimonio, dovrete sicuramente mettere tutto il vostro impegno per la scelta del menù, anche perché, che vi piaccia o meno, sarà uno degli elementi più importanti che faranno ricordare il vostro matrimonio a tutti gli invitati.


Nonostante l'impegno profuso, tuttavia, non preoccupatevi di accontentare tutti a tutti i costi!

Questi che seguono, quindi, sono dei consigli che non vi permetteranno di scegliere il menù perfetto per tutti ma che, tuttavia, vi aiuteranno a sceglierlo in modo da accontentare la maggior parte dei vostri amici e parenti e, soprattutto, voi stessi, cari sposi, che, non dimenticatelo, siete i festeggiati ed avete diritto a scegliere sulla base dei vostri gusti e delle vostre preferenze!

> A che ora si svolgerà il banchetto?

Per un pranzo, potrà essere più abbondante; per una cena, invece, occorrerà pensare a quacosa di decisamente più light.

> Menù a base di carne o a base di pesce?

Dipende molto anche dalla location. Spesso si inseriscono nel menù entrambe le soluzioni.
Certamente, se il ricevimento si svolge in una location tipica di montagna, non sceglieremo un menù di pesce. Al contrario, un matrimonio celebrato in spiaggia richiamerà un menù di solo pesce!
Inoltre, non puntate su piatti sofisticati con nomi altisonanti che impressionano gli invitati, puntate sulla qualità, su piatti buoni, semplici e sicuri. Preferite sempre i prodotti di stagione così da assicurarvi una qualità complessiva sempre più alta.Non dimenticatevi, inoltre, di prevedere delle alternative per i vostri ospiti vegetariani, vegani o celiaci ed un menù speciale per i bambini che potrebbe, semplicemente, essere costituito da un piatto unico o, ad esempio, da pasta al pomodoro, hamburger e patatine o cotoletta e patatine.

> Scelta della società di catering o ristorante.

Una volta chiarito cosa sapere e cosa chiedere, potrete dedicarvi alla scelta della società di catering o del ristorante (abbiamo già parlato di come effettuare la scelta del catering o ristorante più adatto alle vostre esigenze).
Selezionate almeno 3 soluzioni tra quelle papabili, tenuto conto anche, e soprattutto, del vostro budget.
In genere, ma non è obbligatorio, viene offerta almeno una prova gratuita prima di firmare il contratto. Non abbiate timore nell’esprimere giudizi su quello che vi faranno assaggiare: se qualcosa non vi convince, ditelo e chiedete delle modifiche.
Informatevi sulla qualità e quantità di cibo offerto e anche sulle bevande (vini, spumante, acqua, caffè, liquori, ecc.).
Vi ricordo che non tutti (ristorante o catering) offrono nel servizio la consumazione "free" delle bevande; alcuni richiedono un diritto di tappo sulle bottiglie in più consumate. Non dimenticate, inoltre, di chiarire il prezzo del menù per il fotografo e per gli eventuali musicisti.

> Ultima questione da risolvere è il tipo di servizio: buffet, al tavolo, o entrambi.

Facciamo un esempio di come si compone un menù.
Solitamente, si comincia con un antipasto a buffet. E' possibile allestire dei corner o "isole gastronomiche": l'angolo dei fritti, l'angolo dei formaggi, l'angolo dei salumi, l'angolo degli sfizi, l'angolo del pesce, o in alternativa, l’angolo del sushi, ecc.

Per quanto riguarda il pranzo o la cena è possibile comporli nel modo seguente:

Bis di primi: a base di carne, oppure uno di carne e uno di pesce oppure una pasta ed un risotto.
Uno o Due secondi: a base di carne, a base di pesce, oppure, uno di pesce e l'altro di carne, più i contorni.
A seguire, buffet di frutta e di dolci ed infine la torta nuziale.
Per quanto riguardai vini, regolatevi in questo modo: per gli antipasti e per i primi piatti vini leggeri (bianco o rosato); per la carne bianca un vino rosso non troppo corposo che invece va bene per la carne rossa. Per il pesce un vino bianco secco, mentre, per i dolci, spumante o champagne.

Spero di di esserVi stato utile!

Elia Grillotti
Chef e Catering Manager