Copri spalle e Abito da sposa: tutti i segreti per un abbinamento perfetto!

Sabato, 14 Ottobre 2017 Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Voto)
  • Stampa
  • Dillo a un amico
  • Condividilo con i tuoi amici su:

Oggi, carissime future sposine, la vostra Fata Madrina vi parla di un accessorio che, dato l'avvicinarsi della stagione fredda, diventa indispensabile per il vostro outfit. Se poi, per le vostre nozze avete scelto un abito da sposa decolletè, allora, questo non può di certo mancare a prescindere dal clima e dalla stagione scelta per la celebrazione del vostro matrimonio.


Di cosa sto parlando? Del coprispalle o giacchino, naturalmente!

Ne esistono moltissimi tipi ma non tutte le spose li amano.
Tuttavia, in presenza di un abito molto scollato il galateo l'impone, soprattutto quando la cerimonia nuziale si svolge in Chiesa o in un qualsiasi luogo di culto. Ma c'è di più, le spalle andrebbero coperte in ogni caso anche se il matrimonio venisse celebrato con rito civile. Il bon ton, infatti, “decreta” che sia più fine coprire le spalle in occasione di qualunque cerimonia importante.

Al di là delle varie restrizioni dettate dal galateo/bontoniane, personalmente, ritengo che il coprispalle sia un complemento assolutamente irrinunciabile in caso di abito scollato e di matrimonio religioso, mentre è permessa una maggiore libertà per una cerimonia civile.

In fin dei conti, comunque, trovo sia un accessorio che possa arricchire e dare una marcia in più a qualunque abito da sposa, visti anche i moltissimi modelli (anche estremamente particolari) di stole e coprispalle esistenti.

Tra l'altro, un'ulteriore lato positivo dell'indossarlo è che, una volta tolto, si può dare più respiro all'abito da sposa svelando la scollatura solo una volta arrivate al ricevimento, mossa che vi renderà ancor più ammirate e femminili.

In quale tessuto si può realizzare?

Il tessuto varia molto a seconda dello stile dell'abito da sposa, della stagione e dell'effetto che si vuole ottenere.

Si può, infatti, confezionare il classico giacchino con la stessa stoffa utilizzata per l'abito, oppure, optare per tulle elastico, pizzo, organza, lana, marabù o, addirittura, indossare un shoulder necklake, un vero e proprio coprispalle gioiello.

Accostamenti e tipologie 

Voglio darvi anche alcuni piccoli consigli per accostare, nel modo migliore, il coprispalle al vostro abito da sposa.

  • Se un abito è molto ricco o ricamato, meglio optare per un coprispalle liscio, magari riprendendo il decoro solo sul bordo manica.

  • Se l'abito è liscio, invece, può essere impreziosito da un coprispalle in pizzo o decorato, oppure, confezionato in broccato o seta damascata.

  • Per un effetto minimal e bon ton, è perfetto in tulle elastico richiamando su collo e polsini il tessuto di cui è fatto l'abito da sposa.

  • Se amate un look più sciolto ed il vostro abito lo permette, il coprispalle potrà essere sostituito da una stola.

  • Esiste, poi, un modello di coprispalle detto “ad anello” che può essere confezionato in vari tessuti, anche con la lana per l'inverno, che potrà essere completato da un paio di manicotti per le braccia che risulteranno comodissimi sia in caso di caldo che di freddo, poiché potrete decidere all'ultimo momento se usarli oppure no. 
    Questo tipo di coprispalle può essere indossato sia a giacchina che come un vero e proprio anello che circonda e avvolge le spalle. Tra l'altro, sarà particolarmente indicato se il vostro abito da sposa avrà una scollatura all'americana.

Per darvi maggiori indicazioni e spunti, in riferimento al contenuto dell'articolo, ho scelto per voi alcune immagini che potrete usare come fonte di ispirazione per il vostro abito da sposa.

La gallery con tutti i modelli proposti la trovate di seguito al termine dell'articolo. 

Un abbraccio e a presto per altre idee e consigli dalla vostra Fata Madrina Alessandra Cristiani. :)

Alessandra Cristiani
La Fata Madrina - Consulente Spose
Chi sono - Facebook