Zanzibar: il viaggio di nozze in paradiso!

Scritto da 

#misonopersoazanzibar… Sarebbe potuto essere un altro ottimo titolo per questo articolo! Dopo anni di vendita e consulenza, infatti, su questa famosissima destinazione, a marzo, ho finalmente potuto toccare con mano la bellezza unica di Zanzibar, piccola isola della Tanzania, chiamata anche Spices Island per la grande quantità e varietà di spezie presenti.


Impossibile poter classificare le bellezze di questo paradiso dell'Oceano Indiano, a sole 8 ore di volo diretto dall'Italia!

Invitati da Alpitour / Villaggi Bravo come top agenzie del nostro gruppo, abbiamo avuto la possibilità di gustare appieno le bellezze dell'isola e di visitare diverse strutture in vari punti dell'isola, passando dalle larghissime spiagge di Kiwenga , con sabbia bianca e soffice da sembrare ovatta, dove è più evidente il fenomeno delle maree, per giungere nella zona di Nungwi, dove il mare è veramente maldiviano, con spiagge bianchissime e strette e dove poter ammirare il tramonto sul mare.

Provate una partita di calcetto in spiaggia contro i Masai. Clima e paesaggio tropicale accompagnano ogni istante.

Non possiamo rinunciare ad un'escursione speciale, partiamo la mattina in barca alla volta di Prison Island, in passato usata, appunto, come prigione di schiavi, dove abbiamo la possibilità di vedere da vicino, carezzare e fare foto con dei rari esemplari di tartarughe elefante, donate dalla Repubblica delle Seychelles, uno dei due posti al mondo (oltre alle isole Galapagos) dove vivono!!!

Proseguiamo, poi, la nostra uscita in barca per Nakupenda (letteralmente: "Ti Amo"), una lingua di sabbia che ogni giorno compare la mattina per scomparire la sera.

Incredibile il servizio che rende l'esperienza unica (consigliato il polpo fresco). Da metà aprile a fine luglio le strutture sono chiuse.
Pertanto, il periodo migliore per una vacanza di mare è il nostro inverno, da dicembre a marzo.
Tuttavia, se (come consiglio) si opta per un safari all'interno della Tanzania (il monte Kilimangiaro è al confine con il Kenya), allora, mi sento di consigliare settembre/ottobre, periodo delle grandi migrazioni e, quindi, il migliore per l'avvistamento degli abitanti della Savana.

Vi invito a dare uno sguardo al video seguente girato proprio durante il nostro evento!

Vi anticipo la prossima tappa, anzi “tappone”, dal momento che andremo in una destinazione per veri “intenditori”.
Arrivederci presto in... Perù!

Stefano Massari
Consulente di Viaggio, Beachclub

Video