Partecipazioni di nozze: il modo più elegante per annunciare il vostro matrimonio

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Voto)

La scelta delle partecipazioni di nozze è uno degli aspetti più rilevanti nell’organizzazione del Matrimonio poiché costituiscono il primo indizio che si da agli invitati relativamente al mood che avrà il vostro grande giorno!


Questi ultimi, a seconda del tipo di partecipazione ricevuta, della location e dell’ora fissata, possono trarre diverse considerazioni sul genere di cerimonia e sul dress code da rispettare.

Se, ad esempio, la scelta ricade su una partecipazione in carta di Amalfi, questa prelude un matrimonio di tipo classico ed elegante, viceversa, se si opta per un invito colorato e spiritoso, ci si immaginerà un matrimonio anticonformista ed estroso.

La tradizione prevede che siano i genitori dei futuri sposi ad annunciare il matrimonio dei propri figli, ma ormai, da diversi anni, questa formula è caduta in disuso. Gli sposi, infatti, preferiscono annunciare il loro matrimonio da sé.

Le partecipazioni vanno spedite o consegnate a mano, circa 3 mesi prima la data del matrimonio, dagli sposi o dai genitori di quest’ultimi, se si è scelto la formula con annuncio tradizionale.
Intanto, che desideriate seguire o meno la tradizione, sappiate che dovrete inserire, all’interno dei vostri inviti di nozze, alcune indispensabili informazioni di base:

  • i nomi dei genitori degli sposi (se avete deciso di seguire la tradizione), oppure, solo i nomi degli sposi. Nel primo caso, ovviamente, oltre ai nomi dei genitori che danno l’annuncio dovranno essere inseriti anche quelli dei futuri sposi;

  • data e ora della cerimonia;

  • indirizzo del luogo della cerimonia e del ricevimento. Nel caso di luoghi poco conosciuti o difficili da raggiungere, si consiglia di allegare una mappa;

  • indirizzo dei genitori della sposa e dello sposo, oppure, se siete una coppia che già convive, basterà inserire l’indirizzo di casa vostra;

  • un recapito telefonico, email o sito web attraverso il quale poter contattare gli sposi.

D’obbligo anche la gentile richiesta di conferma.

Perfetta la discreta sigla R.S.V.P. (dal francese, Répondez, s'il vous plaît). In alternativa, i “response cards”, di gran moda negli ultimi tempi, ovvero, quei biglietti che l’invitato dovrebbe compilare per confermare o no la propria presenza al matrimonio.

In un’era in cui tutto ormai è digitalizzato, le partecipazioni restano il modo più elegante e senza tempo di annunciare, al mondo intero, il vostro amore, tenendo sempre a mente, che, oltre a rispecchiare il vostro ricevimento, dovranno riflettere il vostro stile, la vostra personalità e la vostra anima.

Un abbraccio e al prossimo articolo.

Vincenzo Marino
Wedding Planner